Cambia Linguaggio Change Language


I BORBONE
Questo nome era portato da una famiglia feudale della Francia centrale prima che, estinguendosi, venisse trasmesso a una linea dei Capetingi. I primi signori di Borbone risalivano al sec. X e loro culla fu il castello di Bourbon-l'Archambault. A partire dall'ascesa al trono di Francia con Enrico IV occorre distinguere almeno quattro rami che gorvernarono diversi paesi: i Borbone di Francia, quelli di Spagna, quelli della linea napoletana e i duchi di Parma. I Borbone di Parma ottennero il Ducato con Carlo I (1731-34), figlio di Filippo V e di Elisabetta Farnese, e il fratello Filippo (1720-1765); seguirono Ferdinando I (1751-1802) e Lodovico (1773-1803). Carlo Lodovico (1799-1833) poté entrare in possesso del Ducato con il nome di Carlo II solo alla morte di Maria Luigia d'Austria, cui era stato assegnato dal Congresso di Vienna. Gli ultimi duchi regnanti furono Carlo III (1823-54) e Roberto (1848-1907), deposto durante i moti insurrezionali del 1859.

CARLO I DI BORBONE
Borbone Carlo I (di), re di Spagna e duca di Parma e Piacenza (Madrid 1716-1788).
Carlo, figlio di Filippo V e di Elisabetta Farnese, resse il Ducato dal 1732 al 1734, quando cinse la corona di Napoli con il titolo di Carlo VII. Nel 1759 successe al padre sul trono di Spagna, regnando come Carlo III sino alla morte. Il suo nome resta legato a Parma per la sistematica opera di asportazione del patrimonio artistico e culturale farnesiano per salvare i beni di famiglia da un eventuale saccheggio austriaco, Carlo trasferì a Napoli gran parte degli arredi delle raccolte farnesiane, compresi più di tredicimila volumi della Biblioteca ducale e il preziosissimo archivio farnesiano.

FILIPPO DI BORBONE
Borbone Filippo (di), duca di Parma, Piacenza e Guastalla (Madrid 1720-Alessandria 1765).
Secondogenito di Filippo V di Spagna ed Elisabetta Farnese, a seguito del Trattato di Aquisgrana si vide assegnati i ducati di cui prese possesso nel 1748. Il matrimonio con Luisa Elisabetta, figlia di Luigi XV di Francia, determinò una decisa evoluzione del costume e dei comportamenti: lo spagnolo fu sostituito dal francese e numerose maestranze d'Oltralpe (architetti, arredatori, ebanisti, scultori, sarti) contribuirono a modificare il volto del Ducato; fra i nomi più illustri si ricordano l'architetto Ennemond Petitot e lo scultore Jean-Baptiste Boudard. Il governo fu di fatto esercitato dal ministro Léon-Guillaume Du Tillot. Filippo morì di vaiolo ad Alessandria.

FERDINANDO DI BORBONE
Borbone Ferdinando (di), duca di Parma, Piacenza e Guastalla (Parma 1751-Badia di Fontevivo, Parma, 1802).
Figlio del duca Filippo e di Luisa Elisabetta di Francia, alla morte del padre (1765) assunse il titolo ducale sotto la reggenza di Léon-Guillaume Du Tillot sino al raggiungimento della maggiore età. Il matrimonio con l'intemperante Maria Amalia, figlia di Maria Teresa d'Austria, fastosamente celebrato nel 1769, segnò il declino della fortuna dell'abile Du Tillot: inviso alla nuova duchessa, osteggiato dal partito clericale per le sue audaci riforme, poco amato dal popolo per le sue tendenze filofrancesi, il ministro venne destituito da ogni incarico e obbligato ad abbandonare il Ducato nel 1771. Negli anni seguenti Ferdinando I fu costretto ad affrontare le conseguenze della rivoluzione francese e soprattutto le minacce delle armate francesi: nel 1796 Napoleone, ormai arbitro della politica europea, nonostante la proclamata neutralità del duca, entrò in Piacenza, pretese e ottenne un cospicuo indennizzo di guerra. Successivamente nel 1801 Ferdinando, stretto da un accordo stipulato fra Napoleone e la Spagna, rinunciò al Ducato a favore della Repubblica Francese, ricevendo in cambio il Granducato di Toscana. Morì l'anno seguente nell'abbazia di Fontevivo, forse avvelenato.

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA PAGINA PRECEDENTE



CARLO I




FILIPPO I




FERDINANDO